Tutti gli articoli di Marco Bellano

Acme Looniversiy

History of Animation: presentazione del corso

Il corso di History of Animation è attivo dal 2014-2015 presso l’Università degli Studi di Padova. Possono frequentarlo gli studenti del primo anno del Corso di Laurea Magistrale in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale del Dipartimento dei Beni Culturali.

Luogo e ora

Dal 13 ottobre 2014

42 ore

Lunedì, 16:30-18:00

Martedì, 16:30-18:00

Palazzo Liviano, Aula 2

 

Prerequisiti

Per frequentare al meglio il corso di History of Animation è consigliabile avere dimestichezza con i fondamenti della storia del cinema e con il linguaggio della teoria e dell’analisi del film. Ancor più consigliabile di queste basi teoriche, però, sarebbe l’abitudine a vedere film (con spirito critico). Avere nel proprio bagaglio un solido “repertorio” cinematografico, ed essere disposti ad ampliarlo, costituisce un’ottima credenziale per partecipare a questo corso. Per finire, sarebbe opportuna anche una buona capacità d’uso e comprensione dell’inglese, lingua in cui sarà erogato il corso.

 

Conoscenze e abilità da acquisire

Al termine del corso, lo studente di History of Animation:

– conoscerà procedimenti e modelli produttivi delle principali tecniche d’animazione;
– saprà identificare in un testo audiovisivo le tecniche d’animazione, valutandone criticamente l’uso;
– conoscerà le caratteristiche essenziali e la storia delle principali scuole e tradizioni di animazione.

 

Modalita’ di esame

L’esame sarà orale, per i frequentanti e per i non frequentanti.

Per i frequentanti l’esame verterà sulle lezioni del corso e sulle dispense fornite dal docente. Inoltre, sarà fornita all’inizio delle lezioni una lista di film, all’interno della quale gli studenti dovranno scegliere quindici titoli. I film scelti andranno visti integralmente e potranno essere oggetto di discussione in sede d’esame.

Per sostenere l’esame da frequentanti si consiglia la frequenza di almeno 38 ore di lezione su 42. Le lezioni non frequentate dovranno comunque essere recuperate, tramite l’ausilio di appunti forniti da colleghi studenti. L’assenza a una determinata lezione non costituisce giustificazione: in sede d’esame si presupporrà che lo studente conosca il 100% dei contenuti del corso.

Si consiglia di seguire il corso da frequentanti. I non frequentanti, oltre a non avere la possibilità di usufruire degli esempi video su cui si baserà il corso, saranno tenuti a studiare due manuali completi in inglese. Sarà richiesta la visione di 15 film scelti dalla lista di cui sopra, come per i frequentanti.

Poiché si prevede un numero modesto di studenti iscritti alle varie sessioni d’esame, si prega di contattare tempestivamente (almeno un giorno prima) il docente in caso di assenza. La lista d’esame chiuderà sempre tre giorni prima dell’appello.

 

Criteri di valutazione

Durante l’esame, si valuteranno:

– capacità di inquadrare storicamente, con buona precisione, artisti, opere e scuole;
– conoscenza delle caratteristiche tecniche ed estetiche di ogni tipo di animazione;
– capacità critica e analitica nel commentare i film e le opere audiovisive.

Contenuti

1) Definizione di animazione
2) Tecniche e stili di animazione
3) Origini dell’animazione: pionieri, scuole dei primordi
4) Animazione negli Stati Uniti. Monografia: Walt Disney
5) Animazione in Europa
6) Animazione in Italia. Monografia: Bruno Bozzetto
7) Animazione in Asia. Monografia: Studio Ghibli
8) Animazione in altri paesi
9) Animation studies: principali tendenze teoriche

Attivita’ di apprendimento previste e metodologie di insegnamento

Il corso si baserà sulle lezioni del docente, integrate da opportuni materiali audiovisivi.

Sarà favorito il confronto e il dibattito con gli studenti.

È previsto almeno un intervento di un importante professionista del cinema d’animazione.

Indicazioni sui materiali di studio

I frequentanti dovranno prepararsi sugli appunti del corso (integrabili dai file Powerpoint che il docente condividerà). Il docente inoltre invierà a ciascuno studente delle dispense da stampare e studiare, tratte dai libri elencati in bibliografia, che dunque non andranno studiati per intero.

I non frequentanti dovranno studiare per intero i testi di Bendazzi e Selby, reperibili presso le biblioteche dell’Ateneo (in sola consultazione).

Testi di riferimento

  • Giannalberto Bendazzi, Cartoons. One Hundred Years of Cinema Animation. London: John Libbey, 1994. Also available as a 2006 reprint
  • Andrew Selby, Animation. London: Laurence King Publishing, 2013.
  • Karen Beckman, Animating Film Theory. Durham and London: Duke University Press, 2014.
Trenino

Convegno “Il cinema d’animazione e l’Italia”: le videosigle animate

Tutte le otto sigle, realizzate con varie tecniche del cinema a passo uno, costituiscono l’esito didattico del Laboratorio durante il quale gli studenti universitari apprendono varie tecniche giungendo infine a produrre brevi scene animate.

Gli studenti che hanno partecipato alla realizzazione dei lavori:

Giuseppe Andreatta; Barbara Bittante; Leonardo Bortoli; Giulia Casarotto; Giuseppe Nicola Cosentino; Marta De Giglio; Rita Fantinato; Carolina Fernandez Barroso; Luigi Giacomazzi; Alessia Ghion; Eleonora Giavarina; Sarah Jessica Fioretto; Laura Novello; Francesca Silvestri; Martina Turra; Valeria Venturelli; Fabiano Verza;
(stagista, Elena Faggioli)

FLIPBOOK (pixillation, disegno, pennarelli a secco, découpage):

TRENINO (pixillation, plastilina, découpage):

OMINO (disegno, pennarelli a secco, pixillation, découpage, plastilina):

PIX (pixillation):

JACK (disegno, stop-motion):

CUBO (disegno, pixillation, découpage):

PESCATORE (disegno, stop-motion, pennarelli a secco, sabbia, découpage):

MANI (disegno, pixillation, découpage):

 

 

r-williams-sneak-5

Il laboratorio di cinema d’animazione del DAMS di Padova

Il corso di laurea DAMS dell’Università degli Studi di Padova, nell’ambito delle proprie attività formative previste dai piani didattici,  da alcuni anni organizza il “Laboratorio di  cinema d’animazione”, avvalendosi della collaborazione  dell’Associazione Culturale “Immagine per Immagine” di Padova.

 Il laboratorio guida gli studenti all’apprendimento dei linguaggi di base dell’animazione, attraverso un programma teorico e  di esercitazioni pratiche individuali e di gruppo sul cinema d’animazione tradizionale, che comprende la nascita del movimento artificiale, lo story board, l’inquadratura e ripresa, le attrezzatura dell’animatore, le esercitazioni con le tecniche del disegno, della plastilina, della pixillation, del decoupage, della sabbia e dei pennarelli a secco. Offre inoltre ai partecipanti l’opportunità di realizzare  un progetto personale.

 La  frequenza al laboratorio vale tre CFU; prima dell’inizio corso viene svolto un colloquio per selezionare i 15 partecipanti su base principalmente motivazionale.

 Il corso si sviluppa nell’arco di un trimestre con 30 ore di lezione/ laboratorio assistito presso la sede dell’Associazione, 45 ore di attività da svolgere a casa ed  una verifica finale sulle competenze acquisite; mette inoltre  a disposizione dei partecipanti  le proprie  strutture didattiche e  relative attrezzature specialistiche.

 Nell’ anno accademico in corso,   i partecipanti DAMS al laboratorio si sono impegnati nell’ideazione e realizzazione di alcune sigle animate da utilizzare nel corso di un evento / convegno sul tema del cinema di animazione.

 Il corso è condotto dal Professor Raffaele Luponio, presidente dell’AssociazioneReferente del corso, per il DAMS, è la Prof. ssa Farah Polato

 L’associazione culturale “Immagine per Immagine”, qualificata nella progettazione di  seminari, laboratori didattici e tirocini nel settore audiovisivo e del cinema d’animazione tradizionale, mette a disposizione il proprio archivio di materiale prodotto in ambito scolastico e d’autore; offre inoltre consulenza gratuita ai giovani che vogliano avvicinarsi al cinema a “passo uno”.

Venezia 71

Le iniziative sul cinema d’animazione dell’Università di Padova e del Cinit a Venezia 71

Nello spazio della Regione Veneto presso l’Hotel Excelsior vengono presentate le iniziative del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Padova e del Cinit-Cineforum Italiano riguardanti la ricerca nel cinema d’animazione.

Venerdì 29 agosto, alle ore 18.30, nello spazio della Regione Veneto all’interno dell’Hotel Excelsior al Lido di Venezia, è in programma la presentazione al pubblico delle iniziative legate alla ricerca per il cinema d’animazione promosse dal Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università degli Studi di Padova e dal Cinit-Cineforum Italiano, associazione naturale di cultura cinematografica.

In particolare, si presenteranno gli atti del convegno “ Il cinema d’animazione e l’Italia: autori, teorie e stato dell’arte”, svoltosi presso l’Università di Padova il 29 e 30 maggio scorsi e organizzato in collaborazione dai Corsi di Laurea DAMS dell’Ateneo patavino, dal Dipartimento dei Beni Culturali, dal Cinit, associazione nazionale di cultura cinematografica e la S.A.S. – Society for Animation Studies.

Si inaugurerà inoltre il sito internet “Animata-Rete di divulgazione e ricerca sul cinema d’animazione”, pensato come collezione di risorse scientifiche, articoli, bibliografie ed eventi che verranno condivisi direttamente dai vari studiosi, garantendo così qualità e attendibilità dei contenuti.

Tali iniziative si collocano nel quadro di un nuovo impegno scientifico e didattico del Dipartimento dei Beni Culturali nel settore dell’animazione, comprendente anche l’istituzione del nuovo corso di History of Animation, erogato dal 2014-15 in lingua inglese per gli studenti della Laurea Magistrale in Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale.

I risultati sinora ottenuti sono stati possibili grazie a Giovanna Valenzano, Direttore del Dipartimento dei Beni Culturali, Rosamaria Salvatore, Presidente dei Corsi di Laurea DAMS, Alberto Zotti Minici, professore associato di Storia del cinema e della fotografia, Marco Bellano, docente a contratto di History of Animation, Massimo Caminiti, presidente del Cinit, Marco Vanelli, Direttore della rivista “Cabiria – Studi di cinema” e Paolo Kirschner, tecnico informatico, webmaster e designer del sito “Animata”.

Sono previsti interventi di Marco Vanelli, Alberto Zotti Minici, Marco Bellano e Paolo Kirschner.

Per la prima volta in Italia, il convegno di Padova ha offerto agli studiosi italiani di cinema d’animazione un’occasione per progettare e conoscersi, partendo proprio dalla produzione animata del nostro Paese, una realtà approfondita da molti esperti nazionali attivi nel settore. Il n. 177 della rivista “Cabiria – Studi di Cinema”, nel Laboratorio intitolato “L’Italia animata. I precursori”, ospita la prima parte degli atti del convegno, comprendente quattro contributi dedicati a momenti fondativi e “pionieristici” dell’animazione italiana: “C’era una volta l’animazione italiana” di Carlo Montanaro, “Un’italiana a Parigi: Leontina “Mimma” Indelli ” di Giannalberto Bendazzi, ”Burattini animati. Le avventure di Pinocchio nel cinema animato italiano” di Anna Antonini e Chiara Tognolotti, e “Sogni di bimbo a passo uno. L’animazione nel film muto italiano di propaganda bellica (1915-1917)” di Denis Lotti. Nel n. 178 della rivista “Cabiria – Studi di Cinema” saranno pubblicate le altre relazioni presentate al convegno, a conclusione del quale sono state poste le basi per la prosecuzione del dialogo e della collaborazione scientifica tra gli studiosi.